All posts by puntospettacolo

MARIA MASTROJANNI:“SE DONIAMO AMORE ABBATTIAMO LA VIOLENZA”

di Giuseppe Nappa

Questa è la settimana dedicata alla violenza contro le donne, per

combattere questa violenza che ormai da anni invece di diminuire

aumenta a dismisura.
Noi di Occhio All’Artista Magazine incontriamo coloro che da anni la

combattono e fanno capire che la denuncia è l’arma vincente per

riprendersi la vita, stiamo parlando di Maria Mastrojanni e Carla Gentile. 
La Mastrojanni quest’anno afferma che é arrivato il momento di combattere la violenza in altro modo spiegando e facendo capire come è bello l’amore tra due persone.
Se riusciamo a comprendere quando può essere bello l’amore di due persone si può abbattere la violenza. L’amore é romantico, l’amore è sognare, confrontarsi e raccontarsi con l’altra persona. L’amore è piacersi, amare la mente ed anche il corpo dell’altra persona.Accettare e amare anche i difetti, che diventano poi pregi agli occhi di chi ama e si desidera.Come la Mastrojanni fa in queste foto, ci dimostra come è grande l’amore anche quando il suo uomo non è presente lei ricorda appoggiata sul letto come tutti noi facciamo i momenti più belli e intensi passati con lui attraverso l’immaginazione il sogno.Vedete l’amore é l’antidoto più bello per sconfiggere non solo la violenza sulle donne ma qualsiasi tipo di violenza. La Mastrojanni ha voluto infatti ha voluto spiegare a tutti coloro che in qualche modo usano violenza che la grandezza dell’amore può abbattere ogni forma di violenza da quella fisica a quella mentale, da quella sulle donne ma allo stesso tempo anche quella sugli uomini e suoi bambini. Se doniamo tanto amore a tutti diventa una società che brilla.

SHER B, QUANDO LA MUSICA DIVENTA INTERNAZIONALE

SHER B – CHI E?


Nome: Mario

Cognome: Spataro

Nome d’Arte: Sher B.

Nato in Calabria

Altezza: 184 cm

Professione: Cantante, pianista, percussionista, marimbista, solista e compositore in Italia e all’estero

Mario Spataro, conosciuto anche con lo pseudonimo di Sher B., si è appassionato alla musica fin da quando era bambino grazie al suo orecchio assoluto. Inizialmente pianista ed organista, all’età di 14 anni ha scoperto anche il mondo delle percussioni e la batteria. Ha vinto numerosi concorsi nazionali ed internazionali come il “Tournoi Internazional De Music, Paris”, “L.H Stevens Special Prize, New York Foundation”e  “Austria int. Awards”. Un percorso artistico che è stato impreziosito dallo studio fatto con artisti del calibro di L.H Stevens, M.J. Burrit, M.Queen, J.Beck, R.Holly, T.Adams, N.J Zivkovic, K. Aleo, I. Bilic, M. Klimasara, R.Wiener, N.Groover, Keiko Abe, L. Morleo.

Ha suonato in diverse parti d’Europa: dall’Italia alla Spagna, passando per la Grecia, l’Austria, la Repubblica Ceca, la Francia, il Belgio, la Germania, la Svizzera e tante altre. Gli è stata conferita La Medaglia al Valore Musicale dalla Camera dei deputati italiana. E’ insegnante a Parigi, Nizza e Montecarlo. Oltre al successo nel repertorio di musica classica, il polistrumentista Spataro alterna la professione di marimbista a quella nella musica dancehall, reggae e hip hop, dove ogni giorno raccoglie tantissimi seguaci.

Ha fondato due case discografiche: la Warrior Inc e la Sher B. Empire. Il suo ultimo album, intitolato ‘M Ashanty, è uscito il 1^ gennaio 2021 e contiene al suo interno dodici tracce. Sono poche le informazioni sulla sua vita privata. Su Instagram è seguito da circa 90.000 follower. Tra i suoi progetti futuri c’è quello di lanciare una nuova linea di profumi.

ANNY CENTO, IL SUCCESSO DI UN’ INFLUENCER OVER

Dopo un percorso nella moda e nel marketing svolto per 17 anni, l’influencer over Anny Cento si sta facendo sempre più strada nel mondo dei social. Nei suoi profili, comunica infatti ai suoi follower tutto quello che fa ed attira così la loro simpatia.

Sono una over 50, ma ritengo di portare bene i miei anni. Mi alleno, faccio ginnastica, mi piace molto l’estetica. Le eventuali critiche non mi spaventano. Ovviamente apprezzo maggiormente quelle costruttive. Sono una persona testarda; so quello che voglio fare e dove voglio arrivare. Apparire fa parte di me, non posso farci niente. Sono vanitosa, non mi spaventa tutto questoPenso di essere semplice; comunico con le persone nella mia semplicità.  Non invento nulla nei miei racconti; parlo delle cose che mi succedono. I follower sono entusiasti. La strategia principale che utilizzo è quella di essere me stessa”.

Anny Cento definisce la sua semplicità stravagante, perché personalizza su di sé i vestiti e i costumi. Cerca un’esclusiva per se stessa. Quando devo fare un abito è sempre alla ricerca delle stoffe, dei prodotti giusti che le vanno bene.

La moda l’ho studiata. Mi piace il ‘700. I pizzi, i merletti stanno bene su di me. Ovviamente, non esco agghindata come se fossimo nel Settecento, ma associo la modernità a questo. Adoro cambiare. Probabilmente, per questo, alle persone piace la mia stravaganza.Da influencer, noto inoltre che bisogna stare molto attenti al linguaggio, che è importante. Bisogna portare sempre rispetto a chi segue. Personalmente, sono per la libertà. Ognuno nel rispetto può fare qualsiasi cosa. Do rispetto e non giudico, perché per prima voglio essere rispettata e non giudicata”.

Anny ha tanti hobby: dal fitness alla pole dance, passando per il footing, il nuoto. Sperimenta in continuazione cose nuove.

“Ho sempre avuto la passione per lo sport. Mi piace tantissimo camminare e chi mi conosce lo sa. Cerco di avere un fisico messo bene. Non sono nemmeno contro l’estetica. Se una fa un intervento per migliorare, ben venga l’estetica. Le persone mi dicono che sono sensuale, che è una caratteristica che considero estremamente importante. In quanto donna, ma mi piace essere sensuale. Ricerco gli abiti, il giusto tacco, i tubini, gli accessori, gli abbinamenti. Tutto questo fa la donna, con il suo profumo”.

Se capitassero delle proposte a livello televisivo, Anny non le disdegnerebbe. Ad esempio, accetterebbe volentieri di fare l’opinionista per parlare di moda o di comunicazione.

Certo, la moda è un argomento che mi è sempre piaciuto, che ho studiato, e non ho problemi ad affrontarlo. Cambia in continuazione, ma sappiamo anche che torna sempre indietro, al passato. La moda va e ritorna, sempre”.

Miss Europe Continental il ritorno della Kermesse nel 2022

C’è vento di novità per l’ormai storico Beauty Contest internazionale Miss Europe Continental, che per la

prima volta apre le porte a tutto il mondo andando oltre i confini europei.

Il Patron del Concorso Alberto Cerqua annuncia la Decima Edizione delle Olimpiadi della bellezza, una serie

di manifestazioni come di consueto ospitate dalla città di Napoli, di una fastosità senza precedenti né eguali

nel panorama attuale dello spettacolo.

Come già annunciato in precedenza, ad affiancare la consueta e ben nota Finale Europea, Miss Europe

Continental produrrà altri cinque show di carattere mondiale, visibili a tutti sulla piattaforma televisiva

internazionale NCG Television.

La pausa imposta dalla pandemia ha causato dei cambiamenti importanti, Miss Europe Continental come

ogni altra produzione televisiva ha dovuto rivedere la propria tabella di marcia e apportare modifiche

significative agli show, dando sempre la priorità alla sicurezza e alle necessità delle candidate.

A tal proposito e facendo delle valutazioni necessarie in seguito all’evolversi della situazione pandemica a

livello mondiale, l’organizzazione ha deciso di posticipare di qualche mese la data degli show, affinché da

ogni paese del mondo le ragazze possano viaggiare in totale sicurezza e senza nessuna difficoltà per essere

presenti all’evento.

Posticipare gli show di qualche mese è un piccolo cambiamento ma assolutamente necessario, perché è

importante che ogni ragazza abbia la possibilità di intraprendere questo viaggio e non vogliamo

assolutamente che anche una sola delle nostre candidate sia limitata in questo senso, poiché è altamente

probabile che tra Novembre e Dicembre qualche paese limiti ancora i viaggi internazionali – come dichiara

il Patron che annuncia di seguito le date ufficiali e le denominazioni degli show della Decima Edizione:

  • Miss Europe Continental Finale Europea dal 5 al 10 Aprile 2022
  • Miss Europe Continental World Edition dal 21 Aprile al 24 Aprile
  • Miss Europe Continental Global Edition dal 24 Aprile al 27 Aprile
  • Miss Europe Continental International dal 27 Aprile al 30 Aprile
  • Miss Europe Continental Planet Edition dal 30 Aprile al 3 Maggio
  • Miss Europe Continental Multinational dal 3 Maggio al 6 Maggio

Gli show sono tutti organizzati dalla compagnia Miss Europe Continental, si susseguono e si svolgono in

date separate, poiché ognuno di essi vedrà eletta una vincitrice che porterà per tutto l’anno successivo il

titolo indipendente di quel determinato evento.

Spesso erroneamente si pensa che tra i sei eventi ce ne sia uno principale, di livello più alto, e che gli altri

siano secondari e di un livello più basso. Questa idea è del tutto errata e l’organizzazione ci tiene a precisare

che ognuno degli show sarà organizzato e seguito dallo stesso team di professionisti e che gli standard di

produzione, così come il programma e le strutture che ospiteranno le candidate di tutti gli show, sono

esattamente gli stessi.

Infatti sebbene sembri impossibile per la stessa compagnia organizzare sei show nello stesso periodo e tutti

di alto livello, questo non è un aspetto che preoccupa il team di Miss Europe Continental, che al contrario e al lavoro ormai da più di un anno per la produzione di questi eventi, e ha approfittato del tempo perso per apportare delle migliorie e rendere lo show ancora più grandioso di quanto non fosse già.

In sintesi Miss Europe Continental vi aspetta la prossima Primavera per la nuova magnifica Decima Edizione, per stupirvi ancora una volta con la bellezza e l’eleganza di sempre, stavolta con una marcia in più. Dopotutto si sa, la Primavera è un promemoria di quanto può essere davvero bello il cambiamento!

La Vetrina La Mia Arte, ecco il libro di Giuseppe Marco Pasquarella

Giuseppe Marco Pasquarella è un professionista dell’arte della vetrinistica. Attualmente, è inoltre in tutte le librerie con La Vetrina La Mia Arte, edito da Giacovelli Editore, che ha scritto per parlare a 360° della sua professione.

Un giorno mi sono imbattuto nell’articolo di un prestigioso quotidiano, che diceva appunto che l’Accademia vetrinistica organizzava dei corsi. Ho chiesto quindi a mio padre, che purtroppo non c’è più, se fosse fattibile una cosa del genere. Mi ha così detto che quello che non aveva avuto lui, l’avrebbe fatto fare a me. Ho così iniziato a studiare, riportando anche degli ottimi risultati come scuola, come accademia. Andavo lì quattro volte a settimana. Quando finivo di fare scuola cercavo poi il negozietto per mettermi all’opera”.

Dopo essersi costruito un nome, che lo ha portato a lavorare per i più grandi brand della moda nazionale ed internazionale, Pasquarella ha insegnato nelle scuole ed ha fatto consulenze e formazioni a 360°. Grazie all’incontro con Vittorio Feltri, è nata l’idea del suo primo libro.

Sono passati 35 anni da quando ho cominciato a creare una rete professionale. Nel mio percorso, ho incontrato persone che mi hanno fatto capire l’importanza della vetrinistica, del visual, del punto vendita e ciò che era importante nella strada formativa, fatta di alti e bassi. Oggi sono il Presidente dei Vetrinisti e Visual Europei, ma è per merito di tutte le conoscenze che ho fatto con i vari personaggi, che mi hanno dato delle dritte. Due di questi, li troviamo anche nel libro. Uno è il presidente di Confassociazioni Nazionale, ossia il dottor Angelo Deiana, che mi ha fatto l’introduzione de La Vetrina La Mia Arte. L’altro è il dottor Vittorio Feltri, che prima mi aveva dato spazio, con una mia rubrica dove affrontavo vari argomenti, su Libero Quotidiano. La Vetrina La Mia Arte racconta proprio l’esperienza che ho fatto. Mi metto a nudo, con la mia esperienza di vita. Racconto della mia professione, dei miei successi e delle mie cadute, da cui mi sono rialzato. Un percorso che è stato caratterizzato anche da dei traguardi. Nel 2019, ad esempio, sono stato insignito con l’Award della Vetrinistica e del Visual Merchandising per aver portato l’arte vetrinistica e visual a livello europeo e italiano. A gennaio, poi, ho preso un premio come eccellenza molisana. Il primo dopo 35 anni di carriera. Ad ogni modo, il libro è stato un momento bello e particolare”.

La Vetrina La Mia Arte, la cui ristampa è vicina, è un libro esperienziale, perché si basa su quello che Pasquarella ha vissuto nel suo percorso. Al suo interno sono raccontati tutti e 35 anni del cammino che ha fatto, senza mai fermarsi. Attira la curiosità dei lettori perché, pur contenendo tutto quello che ho fatto, non è un suo personale curriculum, ma la sua bellezza consiste nel fatto che parla di arte, di quella professione che è visiva, che è creatività, manualità.

Il vetrinista è quella professione che ti deve venire da dentro. Io ci metto l’anima. Quando parlo del mio lavoro non lo vedo soltanto come moneta. Per me, essere vetrinista è passione, amore per quello che vado a fare. Nelle varie pagine del libro vado ad incuriosire. Ci sta l’esperienza ma, nello stesso tempo, ci sta la professionalità. Faccio conoscere, attraverso la mia figura, che cosa ho fatto in questi anni tramite i miei lavori. Ho riportato tutto quello che ho conosciuto con l’esperienza accumulata. Parlo della mia arte da vetrinista a livello esperienziale, insomma. Racconta la vita del vetrinista attraverso le mie opere, le mie conoscenze. Il titolo del libro l’ho sentito mio fin da subito. La Vetrina La Mia Arte perché è grazie a lei che mi esprimo al massimo. Ognuno nel suo piccolo vuole essere un artista. Per questo, credo di dare un contributo nel mio settore. Non posso dire di essere un cantante, né un attore, anche se ho fatto delle piccole parti in determinate situazioni. Mi prendo dunque delle responsabilità per quello che sono”.

Giuseppe Marco Pasquariella ha dedicato La Vetrina La Mia Arte a suo padre Tonino, che è venuto a mancare quando aveva soltanto 54 anni, alla madre Maria e alla moglie Maria e ai figli Chiara e Antonio, colore che gli danno la forza ogni giorno.

Ale Anguissola, ecco il nuovo singolo “IMPERFETTI” online il video diretto da Alex Belli

ALE ANGUISSOLA

È DISPONIBILE IN RADIO E IN DIGITALE 

IL NUOVO SINGOLO 

IMPERFETTI”

Tra gli ospiti d’eccezione Lenny Castro dei TOTO

ON LINE IL VIDEO 

DIRETTO DA ALEX BELLI

È disponibile in radio e in digitale “Imperfetti” (Ma-Và Music Label), il nuovo singolo del cantautore e polistrumentista cremonese Ale Anguissola.

Brano dal sound accattivante ed estivo, che rimanda al pop più raffinato dei  primi anni ’80, “Imperfetti” vede la partecipazione di un team di musicisti blasonati del panorama nazionale e internazionale. 

Al nome di Danilo Ballo, che ha curato gli arrangiamenti della canzone, si affiancano  quelli di Jubileu Filho (chitarre), Lenny Castro dei TOTO (percussioni), Jerry Popolo (sax), Alessandro Tedesco (trombone), Gianfranco Campagnoli (tromba) e Claudio Sannoner (basso).

Imperfetti” è una celebrazione delle donne giocata ironicamente sull’imperfezione maschile. Il testo, tuttavia, mette in luce anche alcuni aspetti ingannevoli dell’universo femminile: 

«La bellezza femminile è un arma a doppia taglio, che può nascondere insidie– spiega Ale Anguissola- ma alla fine, nel rapporto tra uomo e donna prevale la nostra natura primitiva, ed è bello abbandonarsi al gioco dell’amore come ad un “groove” irresistibile».

Il videoclip di “Imperfetti” è stato realizzato da Alex Belli, volto noto del piccolo schermo. Le riprese sono state effettuate tra le vie di Milano e immortalano Ale Anguissola insieme all’avvenente attrice venezuelana Delia Duran.

Ale Anguissola, all’anagrafe Alessandro Anguissola d’Altoè, nasce a Cremona nel 1965. Dopo gli studi classici si laurea in economia in Italia e successivamente consegue una laurea in marketing negli Stati Uniti. Coltiva da sempre una passione profonda per la musica e suona il pianoforte, la chitarra e il sassofono. Nel 2004 pubblica il primo album “Morena de Bahia”e nel 2016 esce l’EP 

Morena (feat. get far Fargetta), seguito dal singolo Mulata (feat. Ana FloraFabio De Vivo.

Tra il 2020 e l’inizio del 2021, Ale si dedica intensamente alla scrittura e pubblica i singoli Penso che ti penso (feat. Ana Flora),  Il 9 e il 6 (feat.Ana Flora), Ora si corre,  Tanta roba,  Che sarà,  In punta di piedi Imperfetti.

Viaggiatore assiduo, per lavoro e per passione, Ale Anguissola è un artista poliedrico alla ricerca costante di nuovi orizzonti da scoprire. In lui convivono il cantautorato italiano e le influenze stilistiche attinte nei suoi viaggi intorno al mondo, con un occhio di riguardo per la tradizione musicale brasiliana. Il suo motto è “Non smettere mai di imparare”, nella vita come nella musica; continua infatti a studiare e a perfezionarsi per affinare le sue capacità artistiche e per ampliare le sue collaborazioni.

“E’ parlà”: Luis Navarro e Luca Sepe cantano un brano sulla Terra dei Fuochi scritto dal poeta Alessandro Tartaglione

“E’ parlà”: Luis Navarro e Luca Sepe cantano un brano sulla Terra dei Fuochi scritto dal poeta Alessandro Tartaglione

Il cantante di musica latina Luis Navarro e il cantautore

Luca Sepe formano un duo inedito per il brano “E’ Parlà”,

nato da una poesia del poeta Alessandro Tartaglione dedicata

al delicato tema della Terra dei Fuochi.
La poesia diventa canzone grazie al contributo musicale del

cantante italoispanico, che costruisce appositamente un

“vestito musicale” alle quartine scritte dal poeta grazie

anche alla collaborazione del maestro e arrangiatore Carlo Feola.

Il brano, in stile pop rock, è un esplicito incitamento a

reagire al silenzio, all’inerzia e alla rassegnazione nei confronti

dei roghi tossici che devastano la regione Campania e in particolar

modo la zona ormai denominata “Terra dei Fuochi”, nella quale

la mortalità e l’incidenza tumorale è superiore rispetto al resto d’Italia.

Luis Navarro nasce a Caserta l’8 Aprile del 1990. Laureato in Giurisprudenza e Diplomato al Conservatorio di Benevento a

pieni voti in “Produzione Musicale e Discografica”, è stato pioniere della produzione della musica latina made in Italy.
Il suo primo successo discografico “El Amor Que Yo Querria”

è stato distribuito in tutta europa da X-Energy (attuale casa discografica di LP) in compilation molto fortunate che vantavano la presenza di Pitbull, Shakira, Michel Telò e Gusttavo Lima.
Altri suoi brani sono stati distribuiti da Universal Music, D:vision e Hit Mania.
Ha collaborato con la diva degli anni ‘80 Viola Valentino nel

remix del suo celebre brano “Comprami” e in un nuovo inedito “Aspettami questa notte”.
Ha duettato in concerto con Francesca Alotta, vincitrice del Festival di Sanremo con il brano “Non Amarmi”, cantato in coppia con Aleandro Baldi.
Ha tenuto concerti in Romania, Francia e Spagna. Ha cantato in quattro lingue e il suo brano “Amor” è stato prodotto in Romania dai produttori di Inna.
Il suo prossimo brano sarà distribuito dalla Colombia, in duetto con Mauricio Rivera, cantante colombiano celebre in patria.
Ha già collaborato con il poeta Alessandro Tartaglione in “Patto Tra Noi”, brano che ha raggiunto e superato le 100.000 visualizzazioni su YouTube.
E’ stato ospite in diverse trasmissioni tv, come Domenica In (Rai 1, 2002), Amici (Canale 5, 2008), Il Sabato Italiano, Uno Mattina, I Soliti Ignoti (Rai 1, 2018).

Luca Sepe nasce a Napoli il 10 Novembre del 1976. Cantautore

italiano scoperto da Fausto Leali, si fa notare al grande pubblico

grazie alla sua partecipazione al Festival di Sanremo del 1998,

anno in cui si piazza terzo nella categoria giovani accedendo

così’ alla serata finale del festival che gli regala un settimo

posto in finale tra i big. Nello stesso anno partecipa anche

al Festivalbar con un buon successo.
Nel 2002 torna sulle scene nazionali partecipando al Festival

di Napoli.
Conosciutissimo per le sue parodie delle canzoni più in voga

del momento, è un affermato speaker radiofonico: ha lavorato

a Radio Marte e Radio Kiss Kiss. Attualmente è impegnato a

Radio Crc Targato Italia.
Luca Sepe ha inoltre scritto canzoni per molti suoi colleghi

affermati nell’ambito della musica partenopea, come Gigi

Finizio (Musa, La magia del vento, In due parole).

Buonasera Rita, la trasmissione triplica gli ascolti su Tvluna

Buonasera Rita su Tv Luna triplica i suoi consensi.

La sensitiva Rita Russo conosciutissima sia al pubblico campano ma anche nazionale per vari apparizioni in programmi televisivi Rai, come “Storie Vere” condotto da Eleonora Daniele. 

Ha il fenomeno della sensitività, un fenomeno che è nato e vive con lei. 

Per i suoi discorsi negli anni si è guadagnata la stima di un folto e numeroso pubblico.

E’ stata affiancata da tanti giornalisti. Negli ultimi quattro

anni a curarle la stampa e la conduzione è il giornalista Giuseppe Nappa che, oltre ad avvicinarla anche ai social con dirette Facebook,  aggiorna continuamente le sue pagine social, tra cui anche Instagram e YouTube.

Insieme ottengono grande successo per quattro puntate

su Partenope Tv con il grande Ritorno di Rita Russo. 

Dallo scorso anno, precisamente dal 15 Ottobre in un

periodo molto complicato di pandemia con questo virus che attanaglia il mondo, parte Buonasera Rita su Tv Luna canale 14 del digitale terrestre. 

Programma condotto da Giuseppe Nappa direttore responsabile del quotidiano online Occhio All’Artista Magazine. Un salotto televisivo creato anni prima per Tv luna dalla stessa sensitiva.

 Il programma contiene attualità, musica, cultura, spettacolo, interviste e non manca sia l’angolo esoterico con la sensitiva con l’interazione con il pubblico da casa. In questa parte della puntata si possono fare domande esoteriche, oppure parlare  direttamente con lei.

Il successo è triplicato e di questo siamo davvero emozionanti sia noi che la sensitiva. Non ci aspettavamo di riuscire a fare otto puntate di un ora e trenta tutte in diretta  in un periodo così complicato, difficile.

E’ vero pero che quando si lavora bene e di squadra si ottengono grandi risultati.

Voglio ringraziare anche tutti gli artisti che fino a questo momento si sono succeduti tutti conosciutissimi dal grande pubblico. Le puntate sono visibili o sul canale YouTube di Tv Luna oppure Canale  YouTube ufficiale di Rita Russo.

La sentiva e il giornalista oltre che ringraziare il pubblico voglio ringraziare tutto lo staff dell’emittente TvLuna ed invitare  a guardare ancora per altre puntate ogni giovedì alle 21.00 questo grande contenitore.

“Elastic Heart”, il corto fenomeno di Giuseppe Cossentino su ArtesTv

IL CORTOMETRAGGIO FENOMENO DI GIUSEPPE COSSENTINO CON PROTAGONISTA NUNZIO BELLINO PASSA SULL’EMITTENTE TELEVISIVA ARTES TV

Un corto diventato celebre e che ha fatto il giro del mondo, dal titolo “ Elastic Heart”, “ Cuore Elastico” nato dalla penna del già noto sceneggiatore e regista Giuseppe Cossentino che vede protagonista, Nunzio Bellino, l’attore italiano,  che sul grande schermo ha voluto proiettare la sua storia e la sua rara sindrome con la regia di Cossentino, già Oscar italiano del web.  Bellino  ha catturato l’attenzione di tutti i media nazionali e del mondo.

Attore e personaggio televisivo ospite anche di Storie Italiane di Eleonora Daniele su Rai1, diventato una personalità di spicco e simbolo contro ogni forma di bullismo e violenza.

Il lavoro filmico racconta la storia di Nunzio. La voce narrante

dell’attrice Rachele Esposito ci accompagna in un viaggio interiore

del protagonista, fatto di amore e di amicizia, di sensazioni, ma anche

di sentimenti, in cui emerge il dolore per la perdita di una persona

cara, la madre, e la delusione per la cattiveria e la falsità di un amico. Un progetto filmico che aiuta a comprendere meglio una tematica medica a molti sconosciuta.

Nel cast anche l’attore Luca Marano’ e l’attrice Giada dell’Aversana.

Il progetto sbarca finalmente in televisione su Artés tv, emittente televisiva  in streaming con un pubblico già collaudato e internazionale e sotto testata giornalistica.

Il corto in prima visione  è andato in onda venerdì 19 Febbraio 2021 , le prossime programmazioni sono sabato 20 febbraio 2021  alle ore  21.00 e alle 22.30 e poi domenica 21 Febbraio 2021  alle ore 13:30, 15:30, 19:30, 21:30 e 23.

  Ecco dove collegarsi per vedere Elastic Heart in   http://www.artestv.it/

Fabio Orfanelli, ecco la parte musicale di ” Aspettando Sanremo” su Odeon Tv

Ad Aspettando Sanremo ci sarà anche il Maestro Fabio Orfanelli, scelto per occuparsi della parte musicale del programma condotto insieme a Paciullo e Carlo Senes, che dovrebbe andare in onda su Odeon Tv il 1° marzo 2020.

Nel programma andremo indietro nel tempo e ripercorreremo i vari anni di Sanremo. Attraverso Carlo Senes, verrà raccontato tutto quello che è successo nella manifestazione canora. Il racconto verrà poi intervallato da dei ragazzi, ovviamente dei cantanti, che si cimenteranno in dei pezzi editi e inediti. Aspettando Sanremo è nato dall’incontro tra me, Paciullo e Carlo Senes. Insieme a noi c’è pure il regista Luciano Morelli”.

Il programma, che avrà una visibilità nazionale, darà una chance ai cantanti che parteciperanno di farsi conoscere da una platea più ampia. Quella di Aspettando Sanremo non è una gara canora, motivo per cui non ci sarà alcun vincitore, ma i ragazzi avranno comunque l’occasione di confrontarsi con esperti del settore, che daranno loro un indice di gradimento, attraverso una paletta con la facciata verde e rossa. Nella trasmissione, Orfanelli avrà un ruolo ben definito.

Per quanto riguarda me, sono il direttore artistico musicale. L’idea è nata per dare risonanza alla musica, al bel canto italiano, alle nuove idee. Se uno non dà la possibilità ai giovani di far sentire le loro nuove idee, non si va da nessuna parte. I nuovi talenti emergono più da questi contest, piuttosto che dai canali istituzionali. In questi giorni stiamo decidendo bene la formula. Oltre a raccontare le varie epoche del Festival, spiegando che cosa ha significato per noi italiani nel corso del tempo,  daremo quindi la possibilità ad ogni cantante, tra quelli scelti, di esibirsi in un inedito o in una cover; ognuno di loro avrà poi un indice di gradimento sulla sua performance. E’ un progetto zero, che secondo me potrebbe avere interesse un domani. L’idea è veramente simpatica

Tra l’altro, Aspettando Sanremo metterà in risalto anche il pubblico che parteciperà, grazie ad uno specialissimo red carpet montato all’esterno dello studio.

L’arrivo del pubblico sarà molto particolare. Tutte le persone arriveranno in studio su un auto, che poi le lascerà sopra un red carpet. Un ingresso decisamente scenografico, che darà un’aria simile a quella del Festival o della Mostra del Cinema. Il nostro intento è quello di fare un programma di qualità in una televisione minore. Crediamo che il programma possa avere un buon riscontro dal punto di vista dell’audience, anche perché la regia è curata dal bravissimo Luciano Morelli e l’idea è davvero buona. Chi ci seguirà, difficilmente cambierà canale. Con la conduzione energica di Paciullo, a cui farà anche da spalla, e i racconti di Carlo penso verrà fuori uno spettacolo piacevole”.

Roberto Mallò per MassMedia Comunicazione